Il TAR Lazio blocca gli aumenti dei pedaggi

Il TAR Lazio ha accolto il ricorso di alcuni enti locali (Provincia di Roma, Provincia di Rieti ed alcuni comuni laziali) contro il decreto che disponeva l’aumento dei pedaggi autostradali.

Il Tribunale amministrativo ha affermato che per come era strutturato il provvedimento (collegato alla manovra economica) i pedaggi andavano intesi come vera e propria tassa; “il provvedimento impugnato”, si legge nelle ordinanze, “per essere coerente con la finalità enunciata deve assumere il carattere di corrispettivo per l’utilizzo di una infrastruttura; al contrario, tale carattere non appare sussistente in alcune delle ipotesi evidenziate, vale a dire in tutte quelle che prevedono il pagamento del pedaggio in relazione ad uno svincolo stradale non necessario e non interessato dalla fruizione dell’infrastruttura”.

Siamo contenti di questa notizia che blocca la decisione del governo di fare cassa sui lavoratori pendolari laziali (i più colpiti da questo provvedimento), che avevano la sola colpa di attraversare ogni giorno il GRA per raggiungere il posto di lavoro, imponendo una nuova tassa che avrebbe portato all’Erario circa 83 milioni di euro nel 2010 e 200 milioni nel 2011.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: