Inflazione all’1,7% nel mese di ottobre: in un momento di crisi aumenta la speculazione

Secondo le stime preliminari diffuse oggi dall’Istat, l’indice dei prezzi al consumo nel mese di ottobre è salito all’1,7% rispetto allo stesso mese dello scorso anno, registrando uno 0,2% in più rispetto al mese di settembre.
Ad aumentare sono stati soprattutto tabacchi, Istruzione, Servizi ricettivi e di ristorazione (rispettivamente più 1,6%, più 1% e più 0,7%). Mentre rispetto ad ottobre dello scorso anno, i maggiori aumenti sono stati registrati per Bevande alcoliche e tabacchi e trasporti (per entrambi più 3,9%), altri beni e servizi (più 3,4%) e Abitazione, acqua, elettricità e combustibili (più 2,7%).
Variazione negativa invece nel settore delle comunicazioni (meno 2,6%).

E’ evidente come anche in questo periodo di crisi economica la speculazione non si fermi, anzi aumenti a dismisura; non è ammissibile che in un momento di così grave difficoltà per i consumatori il potere di acquisto si riduca sempre di più a fronte di cittadini che perdono il posto di lavoro o finiscono in cassa integrazione.

I commenti sono chiusi.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: