Nube vulcanica islandese: sìano tutelati i diritti dei passeggeri

maggio 24, 2011

La nube creata dal vulcano islandese Grimsvotn sta creando i primi disagi ai passeggeri nel Nord Europa, con voli cancellati ed aeroporti chiusi.

Si rischia di trovarsi nella situazione vissuta lo scorso anno, quando a causa dello stesso problema il traffico aereo europeo rimase paralizzato per alcuni giorni, con grave disagio per i passeggeri, costretti a rimanere per giorni interi negli aeroporti, senza adeguata assistenza ed informazioni da parte delle compagnie.

In Scozia ed Irlanda del Nord sono già stati cancellati circa 250 voli, ma l’Unione Europea, a causa della difficoltà di previsione degli spostamenti della nube, non ha previsto la chiusura dello spazio aereo.

Si preannunciano giornate difficili per il traffico aereo, e quindi chiediamo che l’Enac vigli affinchè siano tutelati i diritti dei passeggeri, che ricordiamo sono i seguenti:

in caso di cancellazione: imbarco sul primo volo disponibile, anche di altra compagnia, assistenza a terra, con pasti e bevande ed in caso di pernottamento sistemazione alberghiera, a carico della compagnia, o a scelta del passeggero, rimborso del prezzo del biglietto.

Consigliamo inoltre ai passeggeri che dovessero subire disagi di conservare il biglietto, nonchè ricevute e scontrini di spese aggiuntiva sostenute, al fine di poter chiedere il risarcimento.

Annunci

Proroga per la consegna dei modelli 730 e UNICO

maggio 13, 2011

Saranno prorogati i termini per la presentazione dei modelli 730 e UNICO 2011: infatti ci saranno ulteriori 20 giorni per la presentazione dei modelli relativi ai redditi 2010.

Per effetto di questa proroga i termini per la presentazione del modello 730 slitta al 16 maggio se la consegna avviene al sostituto d’imposta, ed al 20 giugno (anzichè al 31 maggio) per la consegna ai CAF o professionisti abilitati. Per il modello UNICO invece il termine ultimo per la presentazione è il 6 luglio (per chi consegna dal 7 luglio al 5 agosto sarà applicata una sanzione dello 0,40%).

Le motivazioni di questa proroga risiedono nel ritardo nella consegna dei CUD e nella volontà di concedere ulteriore tempo ai contribuenti per il calcolo della cedolare secca.


Posta pubblicitaria: siamo assolutamente contrari al provvedimento del Governo

maggio 10, 2011

Il Decreto Sviluppo ha colpito ancora: dopo la posssibilità di “privatizzare” le spiaggie concedendole ai privati per 90 anni, ed a cui siamo assolutamente contrari, è stato resa nota la possibilità per le aziende di inviare materiale pubblicitario tramite posta ai cittadini, semplicemente prelevando nominativi ed indirizzi dagli elenchi telefonici.

Il consumatore che non vuole ricevere queste “sgradite” comunicazioni, dovrà espressamente farne richiesta, ma non si capisce come: iscrivendosi forse al registro delle opposizioni, che non sta dando grande prova di efficienza e su cui i cittadini sono male informati (visti gli spot pubblicitari che fanno credere che iscrivendosi al registro si è meno informati e si fanno scelte meno consapevoli)?

Chiediamo che questo provvedimento venga immediatamente ritirato, perchè è un vero e proprio attentato alla privacy del consumatore, che così saranno letteralmente invasi da pubblicità non richiesta. E’ proprio un tale “bombardamento” di informazioni pubblicitarie che porta a scelte non consapevoli, in quanto si è indotti a scegliere un prodotto od un servizio solo sulla base del messaggio pubblicitario, magari ingannevole, e non sulla bontà ed effettiva convenienza dell’offerta.

In nome delle regole del mercato e del profitto delle imprese, a cui evidentemente questo Governo vuole fare un altro regalo (dopo il telemarketing), vengono ancora una volta schiacciati i diritti del cittadino/consumatore; non solo, ma come al solito non sono previsti rimedi per abusi o anche solo per opporre il proprio rifiuto all’invasione di comunicazioni postali che si prospetta


Nuovo record per la benzina: superati 1,6 euro al litro. E noi vi segnaliamo le pompe bianche

maggio 4, 2011

Sembrano non esserci ormai più limite per il prezzo della benzina: oggi in alcune regioni, quelle dove vige l’addizionale regionale sui carburanti (Abruzzo, Marche, Liguria, Campania, Molise, Calabria e Puglia) la benzina verde ha superato 1,6 euro al litro, con punte massime in Puglia fino a 1,643 euro al litro.

Nelle altre regioni il prezzo è su 1,6 euro al litro, con Tamoil che giuda i rialzi di circa 0,6, centesimi a litro.

Tale aumento sarebbe dovuto ad un deprezzamento dell’euro sul dollaro, che controbilancia la riduzione del prezzo del carburanti sul mercato internazionale; ci chiediamo però come mai quando il prezzo del petrolio diminuisce il vantaggio è sempre perso con il tasso di cambio sfavorevole, mentre quando aumenta i listini dei carburanti si adeguano immediatamente, a prescindere dal tasso di cambio.

E’ la solita storia della doppia velocità dei prezzi, che aumentano immediatamente quando aumenta il prezzo del petrolio, e non diminuiscono mai quando il prezzo della materia prima diminuisce.

Nel nostro piccolo, cerchiamo di darvi un piccolo aiuto, segnalandovi le pompe bianche, distributori indipendenti dove è possibile risparmiare qualche centesimo.

Il servizio è attivo per Puglia (trovate l’elenco dei distributori sul sito Uni.Cons. Puglia) e per la Provincia di Napoli (sul sito Uni.Cons. Napoli); per le altre regioni ci stiamo lavorando, e chiunque volesse segnalare un distributore indipendente particolarmente conveniente può scriverci all’indirizzo unicons@hotmail.it indicandoci nome, località ed indirizzo della pompa.