Nube vulcanica islandese: sìano tutelati i diritti dei passeggeri

La nube creata dal vulcano islandese Grimsvotn sta creando i primi disagi ai passeggeri nel Nord Europa, con voli cancellati ed aeroporti chiusi.

Si rischia di trovarsi nella situazione vissuta lo scorso anno, quando a causa dello stesso problema il traffico aereo europeo rimase paralizzato per alcuni giorni, con grave disagio per i passeggeri, costretti a rimanere per giorni interi negli aeroporti, senza adeguata assistenza ed informazioni da parte delle compagnie.

In Scozia ed Irlanda del Nord sono già stati cancellati circa 250 voli, ma l’Unione Europea, a causa della difficoltà di previsione degli spostamenti della nube, non ha previsto la chiusura dello spazio aereo.

Si preannunciano giornate difficili per il traffico aereo, e quindi chiediamo che l’Enac vigli affinchè siano tutelati i diritti dei passeggeri, che ricordiamo sono i seguenti:

in caso di cancellazione: imbarco sul primo volo disponibile, anche di altra compagnia, assistenza a terra, con pasti e bevande ed in caso di pernottamento sistemazione alberghiera, a carico della compagnia, o a scelta del passeggero, rimborso del prezzo del biglietto.

Consigliamo inoltre ai passeggeri che dovessero subire disagi di conservare il biglietto, nonchè ricevute e scontrini di spese aggiuntiva sostenute, al fine di poter chiedere il risarcimento.

I commenti sono chiusi.

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: