I contratti di telefonia e le spese di chiusura contratto

Ogni volta che il consumatore – utente vuole cambiare operatore telefonico, sia per la linea fissa che mobile, perchè trova una proposta più conveniente rispetto al contratto attuale, si vede richiedere dall’operatore una penale per la risoluzione del contratto.

Questa somma viene richieste sotto diverse diciture: spese per risoluzione anticipata del contratto, costo di disattivazione, somma dovuta per recesso, importo per dismissione servizi, rimborso promozioni, ecc, con importi che vanno dai 30 ai 250 euro circa per ogni utenza (per utenti che hanno più numerazioni questi costi si moltiplicano).

I gestori tendono ad ignorare le norme del cd Decreto Bersani del 2007 che hanno previsto l’abolizione di qualsiasi vincolo temporale sui contratti in materia di servizi di telefonia (quindi non ha senso di parlare di risoluzione anticipata del contratto) e di qualsiasi costo per la chiusura del contratto, esclusi costi effettivamente sostenuti dall’operatore (non dimostrabili e mai dimostrati nelle sedi opportune).

La nostra associazione sta combattendo da tempo questa battaglia contro gli operatori telefonici, riuscendo con ottimi risultati ad ottenere l’annullamento di queste illegittime pretese.

Invitiamo pertanto tutti gli utenti che sono alle prese con questi problemi a contattarci e li aiuteremo (tel 348 0086073 email unicons@hotmail.it)

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: