Antitrust multa INA Assitalia: comportamenti scorretti nella disdetta delle polizze RC auto

giugno 27, 2011

L’Antitrust ha multato di 450 mila euro la compagnia INA Assitalia per comportamenti scorretti nei confronti dei propri assicurati.

Il comportamento sanzionato consiste nell’aver effettuato la disdetta di migliaia di polizze, soprattutto di clienti assicurati nel sud Italia, senza preavviso e senza inviare agli assicurati il proprio attestato di rischiom indispensabile per poter stipulare un contratto con una nuova compagnia. Inoltre, per coloro che comunque volevano rimanere clienti, la stessa compagnia proponeva contratti per la sola Rc auto a cifre più alte rispetto alle precedenti tariffe.

L’indagine dell’Autorità è partita dopo le denunce di numerosi automobilisti incappati in questi comportamenti, e nell’irrogazione della sanzione si è tenuto conto della gravità del comportamento, della durata e della recidività dell’azienda.

Finalmente si sanziona in maniera pesante una compagnia,  dopo anni di vessazioni ai danni degli automobilisti, soprattutto meridionali, vittime di comportamenti poco trasparenti ed aumenti ingiustificabili da parte delle compagnie assicurative.


Tariffe pubbliche ed assicurazioni: aumenti record negli ultimi cinque anni

aprile 18, 2010

L’Osservatorio prezzi e mercato di Unioncamere ha elaborato i dati sull’aumento delle tariffe dei pubblici servizi: sono impressionanti.
Infatti negli ultimi cinque anni le tariffe sono aumentate in modo vertiginoso: le tariffe postali del 13%, quelle autostradali del 15%, quelle ferroviarie del 26%, i trasporti marittimi del 38%, per una media degli aumenti del circa 15% nel quinquennio.

Anche le tariffe per i servizi locali sono cresciute: per i rifiuti l’aumento è stato circa del 29,1% (4,5% solo nello scorso anno), per l’acqua potabile invece il rincaro è del 31,8 % (sempre nel quinquennio, a fronte di un aumento del 7,6% solo nel 2009).
Secondo l’Osservatorio tali aumenti sono dovuti alla tendenza a portare le tariffe a copertura totale dei costi del servizio, in un piano generale di ristrutturazione delle stesse che sta portando dalla Tarsu alla TIA e al metodo “normalizzato” previsto dalla Legge Galli per quanto riguarda il servizio idrico.

Anche per le assicurazioni i costi sono saliti alle stelle: dal 1996 al 2009 (il periodo di riferimento per questa ricerca) l’aumento delle tariffe è stato di circa il 131,3%, a fronte di un aumento di circa il 35% nella zona euro.

Auspichiamo un immediato intervento delle autorità preposte (Governo, Amministrazioni locali, Antitrust) che spiegano come siano stati possibili questi aumenti ed intervengano immediatamente per fermare questa corsa al rialzo, soprattutto in tempo di crisi, con milioni di famglie ormai “strangolate” da continui aumenti del costo di beni e servizi essenziali.